Il Femminile guarito, ci guarisce tutti

00002_IMG_4247_1024x768_1024x768_CON scritta
(foto: proprietà di La Danza Madre)
Dedicato a Ttai, mia figlia amatissima, così come pure alle nostre antenate e ai nostri discendenti. Per noi tutte e tutti quanti nel mondo dovunque nello spazio e nel tempo… , possa il nostro naturale manifestare della potenza del Femminile – che vive in ogni essere -, in quanto donne realizzare oggi il cambiamento che vogliamo per il mondo poiché siamo a servizio della Vita sin dai tempi primordiali, e, così, insieme a tutti quanti creare e nutrire il linguaggio nuovo che tutta la specie umana necessita ardentemente oggi più che mai : siamo strumento di pace che costruisce pace, balsamo per noi stesse e per tutti gli esseri !

 

 

Ogni donna che guarisce se stessa,

guarisce tutte le donne che sono venute prima di lei

e tutte le donne che verranno dopo di lei.”

                             (Christiane Northrup)

 

Sono profondamente d’accordo con ciò che è scritto in questa evocativa frase e, condividendola qui, vorrei ancora ribadire che questi sono tempi difficili ma sono tempi altrettanto colmi di possibilità di evoluzione interiore tramite sia la consapevolezza della nostra connessione con il potere spirituale della Vita – o del Femminile ancestrale che è spazio libero e inclusivo / ascolto / nutrimento / benevolenza / pacificazione / empatia profonda / collaborazione solidale… -, e sia la consapevolezza del nostro essere interconnessi fra tutti noi esseri viventi e fra tutti e l’ambiente, perché tutti siamo ugualmente figli della Natura.

“Le donne sono solidali sin dai primordi, perché il Femminile ancestrale è solidale

essendo veicolo vitale,

essendo supporto per la Vita che dà vita alla Vita.”

Nel silenzio del proprio cuore, nel processo personale di crescita interiore di ciascuno, grazie a ciò che le nostre antenate hanno custodito e trasmesso alle nostre nonne e madri, grazie agli insegnamenti spirituali tramandati da Maestre e Maestri in ogni angolo e epoca sulla Terra, tramite la pratica ed evoluzione spirituale di ogni persona è possibile “oggi” essere e sostenere il cambiamento che vogliamo per il mondo – come ci insegnava Gandhi ji – e il quale dobbiamo incarnare nella sincera semplicità del nostro quotidiano, così come siamo, con i limiti e i talenti di ciascuno, ascoltando il Femminile in noi, ascoltando le donne, le madri, le figlie, le nipoti, le sorelle, le amiche… . Le donne sono solidali sin dai primordi, perché il Femminile ancestrale è solidale essendo veicolo vitale, essendo supporto per la Vita che dà vita alla Vita. Non è vero che siano rivali, questa è solo una fra le tante maldicenze sparse nel secoli a fin di svalutare il potere creativo e pacificante del femminile.

Non si tratta di vedere le donne come se fossimo migliori degli uomini o vice versa, né da parte nostra c’è nessuna rivendicazione da fare contro qualcuno o chicchessia, ma di semplicemente riconoscere che siamo – per natura – custodi di vita e di pacificazione e pertanto a noi è data la responsabilità e l’onore del aiutare noi stesse e gli altri a crescere, a maturare interiormente: da noi, consapevolmente e rispettosamente, ci autorizziamo da sole ad esprimere il ruolo che ci compete sin da sempre. Non tocca a nessuno darci tale permesso già accordato dalla Natura sin dalle origini della vita in questo bellissimo pianeta a tutti gli esseri femmine al di là che si partorisca oppure no. Nel DNA di tutte le femmine viventi in ogni specie su questo pianeta-madre esistono pronte le qualità biologiche, psicologiche, spirituali che, all’evenienza, possono rendere naturalmente abili le donne ad essere veicoli che accoglie, nutre, sviluppa, fortifica e pacifica la vita che viene trasmessa nel corpo e nel cuore delle donne, con l’aiuto e supporto degli uomini e delle benedizioni che proteggono tutti noi. Le nostre cellule con saggezza sanno esattamente cosa e come fare perché la Vita si esprima attraverso noi stesse, tramite il nostro cuore-mente-corpo. A quella saggezza ci affidiamo.

“…è necessario favorire e trasmettere una sorta di “nuovo linguaggio”,

un vocabolario di attitudini inclusive e pacifiche

che veicolino pensieri-parole-azioni che siano di beneficio a tutti ! ”

Non è a caso che pure riguardo al linguaggio parlato si dica “lingua madre” (*1) poiché sono le madri prima di chiunque altro, sin dalla preistoria della nostra specie, a trasmettere ai bimbi piccoli le basi della comunicazione verbale e i primi significati fondamentali di ciò che si dice e si fa, o non si fa. Pertanto, anche se nei molti millenni da parte delle culture patriarcali sviluppate dal Neolitico in avanti è stata scavalcata e quasi messa a tacere la pacifica e creativa possente forza interiore delle donne, limitando il femminile solo alla procreazione e poco altro, oggigiorno le donne devono e possono guarire le proprie e altrui tante ferite di ogni tipo, forma e misura, e iniziare proprio dal linguaggio – verbale e non solo – ad aiutare tutti quanti a reimparare le modalità pacifiche della collaborazione solidale fra tutti, le modalità della empatia e sinergia naturale: è necessario favorire e trasmettere una sorta di “nuovo linguaggio”, un vocabolario di attitudini inclusive e pacifiche che veicolino pensieri-parole-azioni che siano di beneficio a tutti !

L’arcaica distorta cultura patriarcale che in un passato remotissimo per ignoranza spirituale ha volutamente frainteso e vilipeso i Diritti delle donne e degli uomini, basata sull’avidità e violenza, distorcendo l’autentico Maschile (che è protettivo e giusto) e soggiogando il Femminile (che è creativo e potente), sta comunque volgendo a termine e, si sa, quando i cambiamenti sono profondi… ciò che è vecchio fatica a lasciare posto. Il nuovo che, in realtà, è la Vita sin da sempre nel suo continuo mutare, cresce e prende posto nonostante tutto.

Inesorabile è il muoversi della evoluzione.

“…ad ogni respiro, qui e ora,

siate presenti e forti nella flessibilità del accogliere

e trasformare i fenomeni in modo evolutivo.”

Non spaventatevi, non delegate ad altri la propria responsabilità che rimane individuale, non create aspettative verso terzi nella speranza che caschi dal cielo il cambiamento necessario, non nutrite in voi stessi della paura o altre negatività ma impegnatevi ogni giorno per favore, tramite i vostri pensieri-parole-azioni e grazie i talenti di ciascuno, a fare il meglio che si può per servire la Vita andando oltre l’ego e la dualità che confonde gli illusi : ad ogni respiro, qui e ora, siate presenti e forti nella flessibilità del accogliere e trasformare i fenomeni in modo evolutivo.

E’ ora di maturare !

E’ tempo per maturare ed esprimere una consapevolezza evoluta da parte di donne e uomini, per amore e in onore di tutti i nostri milioni di milioni di antenate ed antenati, madri & padri, così pure come di tutti i discendenti ai quali consegniamo il futuro. Tramite la forza dell’energia Femminile che vive in ciascun essere – donne, uomini e tutte i generi e appartenenza -, e grazie alla determinazione pacifica delle donne consapevoli, questi sono già i tempi del cambiamento, i tempi per tutti di rincontrare in noi stessi e nella essenza di ciascun essere e ciascun fenomeno… la potenza della Saggezza Madre Compassionevole.

EMAHO !

 

————————————————

NOTE (*1) “Lingua Madre – cure materne e origine del linguaggio”, di Dean Falk, Bollati Boringhieri, 2011

Foto di Doju D. freire : donne in cammino insieme nella ricerca artistico-spirituale riguardo l’archetipico “Femminile ancestrale” che svolgo sin dagli ’70.

 

———————————————————-

© Doju D. Freire e LA DANZA MADRE – ladanzamadre.com, 31 luglio 2017.
L’uso e / o la duplicazione non autorizzati, di tutto il materiale visibile in questo sito, senza autorizzazione esplicita e scritta dell’autore e / o del proprietario di questo sito è severamente vietato. Possono essere utilizzati estratti e link, a condizione che sia assegnato un credito completo e chiaro a nome di Doju D. Freire e LA DANZA MADRE – ladanzamadre.com con una direzione appropriata e specifica del contenuto. Grazie.  |

© Doju D. Freire and LA DANZA MADRE – ladanzamadre.com, July 31 2017. Unauthorized use and/or duplication of this material without express and written permission from this site’s author and/or owner is strictly prohibited. Excerpts and links may be used, provided that full and clear credit is given to Doju D. Freire and LA DANZA MADRE – ladanzamadre.com with appropriate and specific direction to the original content. Thank you.


 

Autore: Doju D. Freire

Come donna, nonna, madre, artista, unsui zen praticante al Dojo Zen Sanrin (www.sanrin.it), ricercatrice sulla Danza libera (R. Laban), praticante di scrittura haiku e di shodo, autrice, membro e coordinatrice per l'Europa del "Global Peace Initiative of Women - GPIW" (www.gpiw.org), rimango profondamente interessata alla educazione alla pace interiore e all'approfondimento della consapevolezza riguardo l’archetipo del Femminile ancestrale a beneficio di tutti gli esseri. Parte della ricerca che a questo proposito svolgo da vari decenni nell'ambito dell'arte e della spiritualità, sono visibili qui in questo blog nel quale volentieri condivido pubblicamente dei brevi articoli e links. Coloro interessati a visitare ladanzamadre.com sono benvenuti, vi ringrazio per l'interesse e vi auguro buona lettura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...